☀️ ABBRONZATI con SUN KISSED. ☀️

Latte solare, cos’è? 4 tipologie di prodotti da acquistare per l’abbronzatura

latte solare

Il latte solare fa parte di tutta quella vasta gamma di prodotti ideati per proteggere la pelle dai danni dei raggi ultravioletti. Più fluido di una normale crema protettiva, il latte solare si spalma più facilmente sulla pelle e la rende meno unta e appiccicosa.

Questo perché al suo interno c’è una formulazione che comprende una percentuale più alta di acqua, il che lo rende ideale per essere utilizzato sotto all’ombrellone, quando con il caldo la pelle ha bisogno di essere reidratata.

Dal momento che ha una consistenza più leggera, però, si assorbe molto più in fretta rispetto alle creme o agli oli. Di conseguenza va applicato molte volte durante la giornata, anche perché è meno resistente all’acqua, al vento e al sudore.

Tuttavia, rimane un ottimo prodotto, ideale per difendere la propria cute dai danni del sole come eritemi, scottature o macchie della pelle. Molto utilizzato soprattutto per i bambini, proprio grazie alla sua texture più liquida, che si stende velocemente ma garantisce comunque una buona protezione dai raggi solari.

In commercio esistono tantissimi tipi di latte solare ma in generale di prodotti che servono a proteggersi dal sole. È sempre un bene informarsi a riguardo e scegliere il prodotto che fa al caso nostro, perché difendere la pelle è molto importante non solo sotto il profilo estetico ma anche per la propria salute.

Per prima cosa, andiamo quindi a scoprire perché è fondamentale utilizzare una protezione solare e i rischi che si corrono non stando attenti ai raggi ultravioletti.

Protezioni solari: perché sono importanti

Utilizzare un latte solare o un qualunque altro genere di protezione solare per la pelle è fondamentale. Gli effetti nocivi dei raggi UV sono moltissimi e pericolosi. Esponendoci al sole senza difese, infatti, rischiamo di subire un certo numero di conseguenze negative, dalle più lievi alle più gravi.

Le radiazioni ultraviolette comportano ustioni più o meno serie, macchie della pelle, dermatiti, reazioni allergiche o eritemi. Se non prestiamo la dovuta attenzione alla salute della nostra epidermide, alla lunga rischiamo di sviluppare rughe prima del tempo o, nelle situazioni più gravi, tumori cutanei.

È molto importante proteggere anche gli occhi con degli occhiali che filtrino adeguatamente i raggi UV ma anche evitare di esporsi eccessivamente al sole in quanto si rischia di indebolire il sistema immunitario.

Oggi esistono tantissimi prodotti che è possibile acquistare prima di arrivare in spiaggia. Le protezioni esistono sotto mille forme diverse, non soltanto latte solare ma anche creme, spray oppure oli.

La cosa più importante nel momento in cui stiamo per acquistare una protezione solare, è sceglierla in base all’SPF. L’SPF è il fattore di protezione solare, che varia di prodotto in prodotto. Può essere più alto o più basso in base alle diverse esigenze del compratore e, in genere, viene indicato sulla confezione con un numero, che può variare da 15, 30, 50, 60 o anche protezione totale.

Il consiglio è quello di acquistare una protezione che abbia un SPF minimo di 15 ma, in realtà, per scegliere il prodotto più adatto a noi bisogna considerare diversi fattori, tenendo conto del nostro tipo di pelle.

Latte solare: come scegliere quello giusto

Dal momento che, per scegliere il latte solare migliore il fattore principale da considerare è l’SPF, andiamo a scoprire come fare per scegliere il prodotto più adatto a noi.

È necessario valutare innanzitutto la nostra tipologia di pelle. Se abbiamo una carnagione particolarmente chiara e una pelle molto sensibile, sarà indispensabile scegliere un latte solare che ci protegga adeguatamente. La scelta giusta è partire da un SPF minimo di 30, o meglio 50, ma anche 60+.

Chi ha invece una pelle naturalmente più scura e resistente, potrà scegliere un SPF inferiore, ma il consiglio generale è di scegliere un SPF che non scenda mai sotto i 30, i 15 o i 10.

È anche necessario considerare il tempo di esposizione. Se abbiamo intenzione di passare molte ore al sole, una protezione alta è preferibile. In questo caso è necessario, inoltre, scegliere un prodotto a lunga durata o assicurarsi di spalmare più volte il latte solare o la crema, per essere sicuri di non rimanere scoperti.

Una credenza da sfatare è che più la protezione è alta e meno ci si potrà abbronzare. Questo è assolutamente falso. Non importa quanto è alto l’SPF, a meno che non si tratti di una protezione totale, ci abbronzeremo in ogni caso, la protezione ci permetterà di sviluppare l’amata tintarella comunque, proteggendoci dai risvolti negativi del sole.

Ciò che cambia è il tempo. Con una protezione più alta ci vorrà un po’ di più per assumere un colorito ambrato, ma abbronzarsi gradualmente ci permetterà di non scottarci e preservare la salute della pelle, cosa molto più importante.

Inoltre, l’abbronzatura sviluppata gradualmente durerà più a lungo nel tempo. Esporsi al sole eccessivamente o senza protezioni adeguate può comportare il rischio di ustioni che, oltre ad essere assolutamente nocive per la nostra salute, sono anche esteticamente poco carine.

I migliori 5 in commercio

Per scegliere un buon latte solare bisogna innanzitutto fare una ricerca, al fine di individuare l’articolo più adatto alle nostre esigenze e al nostro tipo di pelle.

Optare per un prodotto che contenga ingredienti principalmente naturali, antiossidanti e idratanti, è sempre un’ottima scelta.

Ogni latte solare è più adeguato a una determinata tipologia di cute piuttosto che un’altra, di conseguenza è fondamentale tenere in considerazione le specifiche caratteristiche della nostra epidermide.

Chi ha una pelle molto chiara e sensibile dovrà necessariamente acquistare un prodotto dotato di un elevato filtro solare. Certo, tutti vorremmo abbronzarci il più velocemente possibile, ma è importante tenere conto del fatto che l’abbronzatura graduale non solo è più sana per la nostra pelle, ma dura anche più a lungo.

Non tutti riescono a scurirsi dopo la prima giornata di mare. Ogni tipologia di pelle ha esigenze diverse e ha bisogno di tempistiche diverse per sviluppare una tintarella dorata e sana, anche rispetto al tempo di esposizione al sole.

Non bisogna mai esagerare, soprattutto i primi giorni, ed è importante ricordare di spalmare il proprio latte solare più volte durante la giornata, anche dopo aver raggiunto il colorito desiderato.

Andiamo quindi a scoprire il miglior latte solare in commercio e in generale i prodotti più acquistati per l’estate.

Latte solare in spray

Il latte solare in spray è un prodotto caratterizzato da una texture molto leggera, che si assorbe rapidamente e idrata proteggendo contemporaneamente la pelle dai raggi UV. È importante ricordarsi di agitare bene la confezione prima di spruzzare il latte sulla pelle.

Il rapido assorbimento però può voler dire che è necessario vaporizzare più volte il prodotto sulla cute durante la giornata, a meno che non si tratti di un latte resistente all’acqua. Se così non fosse, sarebbe ovviamente necessario utilizzarlo dopo ogni bagno in mare e dopo un paio d’ore al sole. Questo perché il sudore e il vento contribuiscono a diluire il prodotto ancora di più.

Optare per un latte non idrosolubile è una scelta vincente, che permette di poter utilizzare il prodotto meno volte, di conseguenza durerà sicuramente più a lungo. Oltretutto ci risparmieremo la noia di dover spalmare continuamente la protezione.

Molte persone durante la giornata di mare potrebbero dimenticare di ripetere l’operazione, rischiando così di ustionarsi o incorrere in reazioni spiacevoli a causa del sole eccessivo.

Gran parte di questi prodotti contengono ingredienti naturali e idratanti che, oltre a proteggere dai raggi solari, ci aiuteranno a prevenire anche l’invecchiamento cutaneo.

Alcuni di questi prodotti contengono al loro interno ingredienti particolari capaci di attivare ulteriormente la produzione di melanina. Di conseguenza svolgono una doppia azione, proteggendo dai raggi UV e stimolando la melanina affinché l’abbronzatura sia più scura e omogenea.

È importante scegliere un prodotto con un SPF adatto alla nostra pelle. In genere quelli più bassi, da 10 a 30, sono più adatti a chi ha una pelle già naturalmente scura e non ha bisogno di protezioni elevate.

Il miglior latte solare per bambini

Fra tutte le protezioni solari il latte è un prodotto ottimo soprattutto per i bambini. Questo perché è molto pratico, grazie alla consistenza leggera e alla modalità in spray, è possibile stenderlo sulla pelle facilmente e velocemente.

Adatto quindi ad essere utilizzato sulla pelle dei più piccoli perché la texture delicata, a differenza delle creme più pastose e appiccicose, permette di impiegare meno tempo a spalmarlo sulla cute, evitando il rischio dei soliti capricci.

In questo caso, per i bambini, è sempre fondamentale scegliere una protezione elevata. Un SPF di 50+ sarà il più indicato per le pelli delicate dei bimbi che durante la giornata di mare trascorrono tantissime ore al sole a giocare con la sabbia o in acqua.

In particolar modo per i bambini con la pelle chiara e delicata è fondamentale limitare il più possibile i danni dei raggi UV. Inoltre gran parte di questi prodotti specifici hanno un colore particolarmente chiaro che tende a mettere in risalto le zone della pelle che abbiamo eventualmente dimenticato di coprire, proprio per non lasciare nessun centimetro scoperto da protezione.

Anche in questo caso esistono diversi tipi di prodotti. Se si tratta di un latte solare per bambini, l’ideale è acquistare una tipologia che sia resistente all’acqua, perché applicare più volte la protezione solare sui bambini può risultare complicato ed è quindi necessario optare per una formulazione che prometta di essere efficace anche con una sola applicazione.

Latte “green”

La tendenza degli ultimi anni è quella di creare prodotti che siano al 100% naturali e rispettosi verso l’ambiente. Molte aziende si stanno muovendo verso questa fantastica direzione, una scelta importante perché i prodotti naturali sono sempre la scelta più giusta sia per il nostro organismo sia per l’ambiente che ci circonda.

Ad esempio, alcuni prodotti formulati negli ultimi tempi hanno escluso dagli ingredienti dei componenti che venivano utilizzati in passato e che si è poi scoperto fossero altamente inquinanti e, in particolare, difficoltosi per la respirazione di alcuni esseri viventi marini, ad esempio i coralli.

Dunque, si è cercato di produrre formule che non contenessero microplastiche, siliconi, petrolati, polimeri, coloranti artificiali o dannosi per l’uomo e l’ambiente.

Un buon latte solare “green” sarà ricco di ossidi metallici che riflettono i raggi UV respingendoli, invece che assorbirli, come molti altri prodotti fanno.

C’è da dire che i prodotti privi di siliconi tendono ad avere una texture un po’ pastosa e difficile da stendere (questo perché ciò che rende le creme vellutate sono proprio dei componenti chimici all’interno del prodotto). Alle volte potrebbe lasciare aloni bianchi se non spalmata a dovere.

In realtà questi sono tutti segnali positivi che lasciano intendere che il prodotto è totalmente naturale, soprattutto se specificato sulla confezione. Un vantaggio è sempre quello di scegliere un prodotto resistente all’acqua che permette di poterla utilizzare anche solo un paio di volte nella giornata.

Sempre fondamentale la scelta di un SPF adatto al nostro tipo di pelle e alla nostra carnagione.

Prodotti con attivatori di melanina

In commercio è possibile acquistare diversi tipi di latte solare con all’interno degli attivatori di melanina. Si tratta di prodotti che aiutano la pelle ad abbronzarsi prima grazie a degli ingredienti che stimolano la melanogenesi, ovvero il processo che genera la melanina e quindi la pigmentazione della pelle come difesa protettiva dai raggi solari.

L’abbronzatura sarà omogenea e dorata e resisterà più a lungo. Gli ingredienti sono ovviamente betacarotene, licopene, vitamina A, vitamina C, vitamina E, vitamina PP, selenio, rame, zinco, antiossidanti e tanti altri componenti capaci di dare una mano al processo di generazione della melanina.

Alcuni di questi prodotti utilizzano la cosiddetta tecnologia “Full light”, in grado di proteggere totalmente da raggi UVA, UVB e infrarossi.

Tuttavia rimane comunque essenziale scegliere l’SPF più adatto a noi e alla nostra cute. È anche possibile optare per un latte solare che contenga al suo interno tanti ingredienti naturali e idratanti come burro di karitè, aloe vera, burro di mandorle, olio extravergine d’oliva spremuto a freddo.

Un mix di effetti positivi che ci proteggeranno dagli effetti negativi dei raggi UV, ma contemporaneamente ci aiuteranno ad abbronzarci meglio e ad ottenere una pelle molto più idratata, liscia e nutrita.

Dopo averti fornito un quadro completo sul latte solare, scopri altri articoli sul nostro blog o sui nostri canali social

Sun Kissed, crema abbronzante con formula naturale per avere un’ abbronzatura intensa e duratura.