Spf: 3 consigli

spf

Quando dobbiamo andare in vacanza o a passare una giornata di sole al mare, è sempre molto importante avere con se una crema protettiva che riesca ad andare bene per la nostra pelle e per le nostre esigenze. Moltissime persone non fanno caso a questa cosa, prendendo creme solari che non sempre riescono davvero a proteggere la persona in questione.

Ogni pelle è fatto in modo diverso rispetto ad un’altra, e quasi sempre questo fattore rischia di provocare tantissimi problemi a determinate persone, soprattutto a quelle con la pelle più debole o più sensibile. Bisogna infatti conoscere l’spf della crema che stiamo utilizzando così da capire se vada bene per noi.

L’spf significato non è molto difficile da capire e a breve te ne parleremo più nel dettaglio, consigliandoti tantissimi metodi per valutare quale crema o olio possa essere migliore per te. Ricorda che conoscere questo parametro ti potrà aiutare a capire se la crema che stai per acquistare è realmente funzionale per la tua pelle.

Non dare mai per scontato questo fattore che stiamo per spiegarti, in quanto la pelle sotto al sole, senza protezione, potrebbe avere tantissimi problemi legati proprio alle scottature o alle ustioni. Dopo aver imparato a leggere questo parametro riuscirai anche tu a scegliere una crema adatta ad ogni tipo di pelle.

Nell’articolo odierno parleremo proprio del parametro spf, usato quando parliamo di creme solari o di prodotti pensati per l’estate, così da poter evitare di utilizzare prodotti scadenti che siano dannosi per la nostra pelle e per la nostra salute. Resta con noi per scoprire tantissime notizie e novità su questo argomento.

Spf

Questo acronimo molto famoso nel mondo è ovviamente un acronimo inglese che sta ad indicare il fattore di protezione solare e l’impatto che può avere sulla nostra pelle. Letteralmente infatti, spf è l’acronimo di Sun Protection Factor, quindi “fattore di protezione solare”.

Questo acronimo si trova su tantissimi, se non proprio su tutti, i prodotti pensati per l’estate e per la protezione dai raggi solari troppo forti. Con questi numeri riusciamo a capire quale crema possa essere la migliore per noi e per la nostra protezione dai raggi troppo forti.

Moltissime persone danno per scontato l’importanza di conoscere questi valori, rischiando di beccarsi delle insolazioni o delle scottature molto evidenti sul corpo. Non dare conto a questo parametro potrebbe anche portarti a problemi molto più gravi ed evidenti, rovinandoti le vacanze estive o le giornate passate in spiaggia.

Troppo sole senza una pelle idratata e protetta correttamente può infatti portarci anche ad ustione o febbre, per non parlare della perdita di sali minerali che può provocare svenimenti e altri problemi simili. Non dare mai per scontato quanto realmente sia importante l’spf da dover tenere sempre sotto controllo sulle creme che utilizziamo prima di andare al mare o in vacanza.

Nel corso dell’articolo ti spiegheremo ancora più nel dettaglio come funziona questo parametro e quali sono i valori migliori da dover valutare per capire se il prodotto va bene per la nostra pelle. Resta con noi e continua a leggere questo articolo per scoprire tantissime novità e curiosità.

Spf significato

Il sole ha la capacità di emanare molti tipi di raggi, che a seconda della situazione possono essere più o meno negativi per la nostra pelle. Quelli dalla quale dobbiamo difenderci sono sicuramente i raggi UVB e UVA, molto negativi se si trovano troppo tempo a contatto con la nostra pelle.

Bisognerà infatti riuscire ad utilizzare un prodotto capace di fermare questi raggi, evitando che riescano ad entrare nella nostra pelle causandoci moltissimi guai e disfunzionamenti molto evidenti. Sono infatti tantissime le cause negative prodotte proprio da questi raggi e a breve te le elencheremo.

Ricorda soprattutto che, oltre alle scottature, anche le ustioni possono provocare moltissimi danni alla pelle, in alcuni casi anche in modo molto violento e difficile da rimuovere. Ti consigliamo infatti di proteggerti al meglio e di procurarti sempre una piccola zona d’ombra dove poter recuperare energie.

Gli ombrelloni sono infatti molto utili in questi casi, permettendoci di evitare troppo i raggi solare e le sostanze negative presenti al loro interno. Non dimenticare che tenere sotto controllo l’spf di una crema è molto importante soprattutto quando andiamo in posti molto più caldi dei nostri standard, rischiando di scottarci o di perdere i sensi.

Le creme solari sono sempre accompagnate da un parametro di spf, e nei prossimi paragrafi ti consiglieremo quali sono i parametri migliori da tenere d’occhio per non rischiare di bruciarsi. A breve invece tratteremo di alcuni mix naturali da poter creare a casa e ti daremo anche dei consigli rispetto ai rischi più tipici di chi non utilizza queste creme durante le giornate di sole estremo.

Mix naturali

A breve torneremo a parlare dei parametri di spf e di quali sono i migliori da dover seguire per evitare di bruciarsi in spiaggia o di beccarsi cose molto peggiori. Ogni giorno sono sempre di più le persone che abbandonano i prodotti industriali per provare quelli naturali, che oltre ad avere benefici sono anche più economici.

Alcuni di questi mix possono anche essere preparati in casa con prodotti quasi sempre presenti nelle nostre dispense, senza quindi dover fare acquisti mirati o specifici. Queste ricette possono essere trovate online a seconda delle proprie esigenze si può scegliere quali prodotti usare e quali no.

In particolare tantissimi di questi mix derivano dagli ortaggi o dalla frutta, in quanto questi, ricchi di acqua, possono aiutarci a proteggere la nostra pelle dai raggi troppo violenti e da tutti gli altri pericoli del troppo sole. La carota è uno degli ortaggi più utilizzati per risolvere questo problema molto particolare e comune tra le persone.

Scegliere questi mix molte volte dipende anche dal fatto di non fidarsi dei prodotti chimici o di tutto ciò che è presente nei prodotti ad uso commerciale. In questo modo di evita, ovviamente, anche di inquinare o di creare problematiche all’ambiente che potrebbero creare danni irreversibili.

Ora che conosci tutto sui mix naturali da creare in maniera personale, possiamo tornare a parlare del spf e di tutti i parametri da seguire per avere una protezione migliore. Prima però ci prenderemo qualche minuto per parlare di quali sono i rischi più comuni nel prendere troppo sole durante l’estate o durante le giornate al mare.

Rischi

Sono sempre di più i rischi legati al prendere troppo sole, anche se le persone danno per scontato quanto sia importante trovare una giusta protezione per se stessi. Dopo questo articolo diventerà molto più comune fare caso all’spf dei prodotti da spiaggia.

Non sottovalutare mai i danni che possono recare i raggi solari, legati non solo alle scottature, ma anche ad ustioni molto gravi o alla perdita dei sensi per qualche breve istante della nostra giornata. Stare troppo tempo sotto al sole può infatti essere molto pericoloso, soprattutto se non ci teniamo al sicuro e se non rimaniamo idratati.

La sudorazione provocata dai raggi solari può espellere tantissimi sali minerali, molto utili per il nostro corpo affinché non si perdano troppe energie o troppe forze. Rimanere troppo tempo al sole può provocare questi problemi ma anche altri molto più dannosi e difficili da curare con il tempo.

Non solo i sali minerali, ma anche le scottature e tutti  i tipi di ustione possono rovinare le nostre vacanze e il nostro mood estivo, provocando anche febbre o dolori articolari molto pesanti. Prendere troppo sole può infatti alzare la nostra temperatura del corpo al punto di portarti a febbre o ad altri problemi molto difficili da risolvere.

Queste cose non devono intimorirti ma devono darti un’idea di come sia importante considerare l’spf di tutti i prodotti estivi che vuoi usare per proteggerti. Ora che conosci tutti i rischi e i pericoli del troppo sole possiamo finalmente tornare a parlare di questo parametro e di come funziona nel dettaglio.

Spf: curiosità

Ti sarà capitato tantissime molte sulla spiaggia di sentire moltissimi numeri legati proprio alla protezione solare, come ad’esempio “protezione 50″ o protezione 100”. Questi non sono numeri a caso ma descrivono propio il parametro spf di cui ti stiamo parlando in questo nostro nuovissimo articolo. 

Non sottovalutare mai i rischi che possono arrivare quando non prestiamo troppa attenzione a questi parametri, soprattutto nelle giornate eccessivamente calde passate in spiaggia. Ti abbiamo elencato tutti i pericoli e i rischi che possono arrivare con il troppo sole e con poca attenzione di questo problema, starà a te scegliere come muoverti per migliorare la tua condizione.

Spiegato in termini molto semplici, questo parametro ci permette di capire la potenza, o la forza, di protezione che una crema può darci rispetto al sole. Tutti i livelli indicati sulle confezione sono quasi sempre certi e testati in laboratorio, in modo da avere l’effettivo funzionamento di questi prodotti molto comuni ed utili.

Non ti consigliamo di utilizzare creme troppo deboli se la tua pelle è delicata o con qualche problematica, ma ti consigliamo invece di fare attenzione a tutte le parti allergiche. Molte di queste creme infatti contengono prodotti che non vanno bene per tutte le pelli, bisogna quindi informarsi al meglio possibile prima di utilizzarli.

A breve ti daremo altri consigli e ti spiegheremo altre curiosità legate proprio all’spf e a come funziona questo particolare fattore nelle creme per abbronzarsi. Resta con noi per scoprire tantissimi altri segreti e alcuni trucchi da utilizzare durante le tue vacanze al mare.

Spf: significato

Ora che abbiamo capito cosa vuol dire spf e perché questo parametro sia presente su tutte le confezioni di prodotti per la spiaggia o per l’abbronzatura in generale, possiamo andare avanti nella spiegazione del significato. Questo parametro non è difficile da comprendere in quanto funziona in modo esponenziale.

Per capirci bene, una protezione di livello 30 sarà molto più debole di una protezione 50, in una vera e propria scala lineare. Non è difficile capire quindi quale possa essere la crema migliore per noi, ma dovremo anche valutare tutti i tipi di allergeni o prodotti compositivi.

Moltissime pelli delicate infatti non utilizzano creme troppo potenti se all’interno sono presenti prodotti negativi per la loro pelle. Altri invece devono prima eseguire dei test specifici per capire se effettivamente queste creme potrebbero creare danni particolari o gravi al nostro intero organismo.

Noi ti consigliamo di valutare l’aiuto di un esperto professionista del settore, che possa aiutarti a fare tutti gli accertamenti possibili per capire se il prodotto potrebbe interferire con la tua pelle o alcune allergie. Non sottovalutare questo consiglio e cerca sempre di affidarti agli esperti quando non sai come comportarti in contesti molto simili a questo.

Ormai siamo alla fine di questo articolo e hai scoperto quasi tutti i segreti e le curiosità sul spf e su come funziona questo tipo di parametro. Resta con noi per leggere l’ultimo paragrafo di questo nuovissimo articolo, dove ti parleremo delle nostre interpretazioni e considerazioni in merito a questo argomento.

Le nostre conclusioni

Siamo ormai giunti alla fine di questo nostro nuovissimo articolo sul spf e su come valutare una crema per la protezione solare. Abbiamo visto come questo parametro si trovi praticamente su tutti i tipi di prodotti per l’abbronzatura o per le giornate passate al sole.

Abbiamo capito che non è difficile trovare un prodotto adatto a noi, basterà semplicemente riuscire a capire quanto è sensibile la nostra pelle rispetto alle altre. Le protezioni sono facili da capire, in quanto questo parametro funziona in modo esponenziale, ovvero più è grande il numero di protezione più questo è efficace.

Considera sempre però che è molto facile riuscire a sbagliarsi e a prendere prodotti non adatti alla nostra pelle. Ti consigliamo infatti di valutare uno specialista che possa farti capire se effettivamente è utile o no utilizzare questi prodotti in caso di allergie.

Non sottovalutare mai la protezione solare e ricorda che durante queste giornate è importantissimo riuscire a rimanere protetti dai raggi solari. Moltissimi prodotti naturali sono risultati efficaci quanto quelli commerciali, quindi potrai anche avere questa alternativa.

Ormai sai tutto sul spf e ti ringraziamo per aver letto e seguito tutto il nostro articolo. Ti invitiamo a seguire il nostro blog e i nostri social sempre aggiornati.

Sun Kissed, crema abbronzante con formula naturale per avere un’ abbronzatura intensa e duratura.